Tedesco

Se non vedi il Player Audio devi installare Adobe Flash Player (vers. 9 o superiore).
Per installare clicca qui. Deve anche essere abilitato JavaScript nel tuo browser.


Un po’ di storia…

Germanofoni

Per quanto riguarda, in particolare, la lingua e la cultura delle popolazioni germaniche l’art.2 della legge 482/99 fa riferimento a nuclei germanofoni conseguenti ad immigrazioni promosse da feudatari e vescovi fra XI e XIV secolo, esistenti nel Trentino ed aree limitrofe, quali i Mocheni della Valle del Felsina, (Fierozzo, Frassilongo, Lucerna), i Cimbri dei sette Comuni dell’altopiano di Asiago, i Walser, che vivono attorno al Monte Rosa e sul versante valdostano nei comuni di Issime e Gressoney-Saint Jean e Gressoney la Trinità. A queste comunità vanno aggiunte quelle sparse nel Piemonte.

Carinziani

Le comunità carinziane risalgono alla colonizzazione bavarese dell’arco alpino dei secoli X – XIII e costituiscono isole o gruppi linguistici di antico insediamento, ove si parlano varietà tedesche simili a quelle usate al di là del crinale delle Alpi Carniche (da cui minoranza carinziana).

Attualmente questa variante di lingua tedesca è parlata in Friuli-Venezia Giulia, in provincia di Udine, nelle piccole isole linguistiche di Sauris e Timau e, al confine con l’Austria e la Slovenia, nella Val Canal; poi in Veneto, nel comune di Sappada (Belluno).

Cimbri

Anche i Cimbri sono originari dell’Europa del nord. Agli insediamenti originari di contadini del X secolo, invitate dai proprietari di terre incolte e quasi del tutto abbandonate a causa di guerre ed epidemie, si sovrappose, dopo il XV, una migrazione costituita da minatori e imprenditori di origine bavarese. Attualmente sono presenti in Trentino, nei paesi di Folgaria, Lavarone e Luserna, nei cosiddetti Sette Comuni dell’altopiano di Asiago e in 13 Comuni della Lessinia, in provincia di Verona.

Mocheni

La minoranza linguistica mòchena è una piccola comunità tedescofona insediatasi nella valle del torrente Fèrsina (Trentino-Alto Adige), affluente di destra dell’Adige, detta anche valle dei Mòcheni, per l’idioma particolare dei suoi abitanti.

La migrazione si può inquadrare nella colonizzazione che, dal X secolo, si spostò dall’Europa centrale verso le Alpi meridionali, per trasformare i boschi in campi e prati coltivabili.

Tedeschi

Il Trentino-Alto Adige/Sud Tirol, nel quale risiede il gruppo linguistico tedesco che è maggioritario nella provincia di Bolzano e minoritario in quella di Trento, con uno Statuto frutto di specifici accordi fra Austria ed Italia, gode di proprie competenze legislative, amministrative e finanziarie. In base a quell’accordo fu stabilito che gli abitanti di lingua tedesca in provincia di Bolzano avrebbero goduto completa eguaglianza di diritti rispetto agli abitanti di lingua italiana, nel quadro di disposizioni speciali destinate a salvaguardare il carattere etnico e lo sviluppo economico del gruppo di lingua tedesca (art. 1).

I walser

Troviamo queste comunità nelle province del Verbano-Cusio-Ossola (Formazza, Macugnaga) e di Vercelli (Alagna Valsesia, Rima, Rimella). La loro presenza è dovuta alla emigrazione delle popolazioni walser, provenienti dalla Svizzera meridionale, dall’Austria occidentale e da alcune aree dell’Italia nord-occidentale.

Dal 1000 al 1200 “I walser, il cui nome è un etnico che significa ‘vallesano’, cioè ‘proveniente dal vallese’ erano assai noti come dissodatori di terre poste in alta montagna, e i feudatari li chiamavano, con la promessa di affidare loro i terreni resi coltivabili, con lo scopo di allargare e di assicurare la difesa dei propri domini

La minoranza è presente in alcuni comuni della Valle d’Aosta ed in Piemonte, nelle province di Verbania e Vercelli.

Già nel 1993 con legge costituzionale in Valle d’Aosta alla minoranza walser è stata riconosciuta particolare tutela, comprendente anche l’insegnamento nella lingua materna.

(a cura di D. Morelli)

localizzazione geografica in dettaglio: clicca l’ immagine

link

per approfondire:

www.minoranzelinguistiche.provincia.tn.it/index.html

Progetto Local lingue infanzia; all’interno vedi anche materiali delle scuole.

SCUOLE

Istituto Omnicomprensivo di Tarvisio (UD): www.tarvisiocomeaula.it

PROGETTI

ISTITUTO CAPOFILA DELLA RETE COMUNE PV REGIONE NOME RETE LINGUA DI MINORANZA TITOLO
ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI TARVISIO  con sedi associate I.S.I.S.  “Ingeborg Bachmann” e I.C. “Giovann XXIII” TARVISIO UD FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO SENTIERI – UNA RETE DI SCUOLE (L. 482/99) FRIULANO – TEDESCO – SLOVENO – SAURANO – RESIANO – TIMAVESE – PLODARISCH – CUMELIAN - PROGETTO SENTIERI – UNA RETE DI SCUOLE “IO SCOPRO….”
ISTITUTO COMPRENSIVO CORIGLIANO D’OTRANTO LECCE CORIGLIANO D’OTRANTO LE PUGLIA LOCAL  LINGUE INFANZIA LINGUE MINORITARIE GRIKA-FRIULANA-OCCITANA-ALBANESE-SLOVENA -AUSTRIACA LOCAL LINGUE INFANZIA